Cellulite: cos’è, cause, sintomi e migliori rimedi naturali e chirurgici

0
195

La cellulite, detta anche pelle a buccia d’arancia, è una condizione che prevede la formazione di nodi, grumi e “fossette” sui glutei, sulle gambe e su altre parti del corpo. La cellulite può verificarsi sia negli uomini che nelle donne, ma è molto più comune in quest’ultime per via delle diverse distribuzioni di grasso, muscoli e tessuto connettivo. Questa condizione colpisce infatti tra l’80 ed il 90 % delle donne. I grumi della cellulite sono causati dai depositi di grasso che spingono e distorcono i tessuti connettivi sotto la pelle.

Nel 2009 è stata pubblicata una scala di gravità della cellulite che si suddivide in tre parti:

  • Grado 1 o mite: le pelle ha un aspetto leggermente drappeggiato ed i nodi sono piuttosto superficiali
  • Livello 2 o moderato: l’epidermide è parecchio drappeggiata ed ha un aspetto simile alla ricotta
  • Grado 3 o grave: la cute appare completamente ricoperta di grumi

Cause e fattori di rischio della cellulite

La causa esatta della cellulite è ancora sconosciuta, ma pare che derivi da un’interazione tra il tessuto connettivo nello strato dermatologico che si trova sotto la superficie della pelle e lo strato di grasso che si trova appena sotto di esso. Se le cellule adipose sporgono nello strato di pelle, questo forma la cellulite. Le donne hanno più probabilità di riscontrare la cellulite poiché le loro cellule grasse ed il loro tessuto connettivo sono disposti verticalmente. Gli uomini hanno minori probabilità di avere la cellulite poiché hanno un tessuto a struttura incrociata. Ecco quali sono le cause ed i fattori di rischio della cellulite:

Fattori ormonali ed età

Gli ormoni svolgono un ruolo molto importante nello sviluppo della cellulite. Gli estrogeni, l’insulina, la noradrenalina, gli ormoni tiroidei e la prolattina fanno parte del processo di formazione di questa condizione. Le donne entrare in menopausa vedono una diminuzione dei livelli di estrogeni che provoca anche la riduzione del flusso del sangue al tessuto connettivo sotto la pelle. Una circolazione inferiore significa meno ossigeno nella zona con una conseguente riduzione della produzione di collagene. Le cellule di grasso di allargano anche quando i livelli di estrogeni diminuiscono. Questi fattori si combinano rendendo così più visibili i depositi di grasso. Quando il grasso sporge sotto la pelle attraverso l’indebolimento del tessuto connettivo, ecco che si ottiene “l’effetto fossetta” tipico della cellulite. Anche l’età fa si che la pelle diventi meno elastica, più sottile ed incline ad incurvarsi. Ciò aumenta la possibilità di sviluppare la pelle a buccia d’arancia.

Fattori genetici

Alcuni geni sono responsabili della formazione della cellulite. I fattori genetici sono infatti collegati alla velocità di metabolismo di una persona, alla distribuzione di grasso sotto la pelle e ai livelli circolatori. Tutti questi fattori hanno degli effetti sullo sviluppo di questa condizione.

Alimentazione e stile di vita

Sebbene la cellulite non sia collegata alle tossine, uno stile di vita sano aiuta comunque a ridurre il rischio di averla. Le persone che mangiano troppi cibi grassi e salati, carboidrati ed una scarsa quantità di fibre sono a rischio di sviluppare una maggiore quantità di cellulite. Le persone che fumano, che stanno molto tempo sedute e che non esercitano attività fisica rischiano di avere la cellulite. Contribuiscono alla formazione di questa condizione anche l’uso di biancheria intima che stringe troppo i glutei. La cellulite inizia a verificarsi solitamente dopo i 25 anni di età, ma in alcuni casi può colpire anche gli adolescenti.

Sintomi e segni della cellulite

Le cellulite provoca delle increspature sulle pelle, la quale sviluppa inoltre un aspetto bitorzoluto. Questa condizione causa il tipico aspetto “buccia d’arancia” sull’epidermide. Ecco le aree del corpo in cui si verifica la cellulite: sulle gambe, sui glutei, sul seno, sui fianchi, sull’addome, sulla parte superiore delle braccia e sulla pancia. La cellulite è considerata un problema estetico, non esistono dunque test medici per diagnosticarla, in quanto il suo aspetto la rende subito visibile. Questa condizione non ha conseguenze negative sulle salute, è solo un fastidioso problema estetico. Non è sempre possibile prevenire la cellulite, ma mantenere un peso sano e fare molta attività fisica possono aiutare a ridurre il suo aspetto. Mantenersi idratati (bere molta acqua) e smettere di fumare rendono la cellulite molto meno evidente.

Rimedi per la rimozione della cellulite

Ecco quali sono le terapie, i farmaci, le creme, gli integratori, i massaggi ed altri rimedi per rimuovere o ridurre la cellulite:

Terapie

  • Tecniche chirurgiche che rompono le fasce di tessuto connettivo sulla superficie della pelle riescono a migliorare l’aspetto della cellulite.
  • Terapia ad onde acustiche in cui viene utilizzato un dispositivo portatile che trasmette le onde sonore per rimuovere la pelle a buccia d’arancia.
  • Trattamento laser che migliora l’aspetto della cellulite per più di un anno. Questa terapia implica l’inserimento di una sonda laser molto piccola sotto la pelle. Il laser ha la funzione di rompere il tessuto e di aumentare la produzione di collagene che serve ad ispessire la pelle e a ridurre l’aspetto della cellulite sottostante.
  • Sottoscissione: un dermatologo inserisce degli aghi sotto la pelle per rompere le fasce di tessuto connettivo. I risultati di questa terapia possono durare per più di due anni.
  • Carobissiterapia che consiste nell’inserimento di gas di anidride carbonica sotto la pelle. Gli effetti collaterali includono lividi e disagio dopo la procedura, ma i segni della cellulite possono sparire.
  • Endermologia che prevede un profondo massaggio con un dispositivo che solleva la pelle.
  • Ionitermia che è un trattamento utilizzato per la riduzione della cellulite. Per eseguire questa terapia bisogna corpire l’area interessata con uno impacco di fango e di argilla e poi applicare una leggera scossa elettrica.
  • Radioterapia che riduce la cellulite riscaldandola, ma i risultati sono a breve termine.
  • Liposuzione laser assistita che rimuove delle piccole quantità di grasso.
  • Mesoterapia che è un trattamento che prevede le iniezioni di farmaci o di altre sostanze nel tessuto interessato. In questa terapia vengono usati spesso estratti di erbe e vitamine.

Farmaci e creme

Ecco quali sono i farmaci e le creme che riducono la cellulite:

  • Crema o farmaco al retinolo: è una sostanza che riduce l’aspetto della cellulite ispessendo la pelle. Per vedere i risultati è necessario applicare la crema o assumere il farmaco per almeno sei mesi. Prima di prendere il farmaco al retinolo bisogna fare dei test al cuore.
  • Crema alla caffeina: questa sostanza disidrata le cellule, rendendole meno visibili. Per ridurre la cellulite, la crema alla caffeina va applicata ogni giorno.
  • Creme anticellulite: queste creme contengono caffeina, amminofillina e teofillina che fanno parte del gruppo di sostanze chimiche chiamato metilxantine. Sono proprio queste sostanze che abbattono i depositi di grasso e che eliminano la cellulite.
  • Collagenasi: si tratta di una sostanza che viene iniettata nel corpo al fine di migliorare l’aspetto della cellulite. La collagenasi è infatti un enzima che scompone il collagene, un componente del tessuto connettivo.

Integratori

Per ridurre la cellulite basta assumere integratori alimentari contenenti questi ingredienti: la ginkgo biloba, il trifoglio dolce, i bioflavinoidi, l’estratto di semi d’uva, l’olio di enotera, l’olio di pesce e lecitina di soia. Tali sostanze accelerano il metabolismo, migliorano la circolazione, migliorano la decomposizione dei grassi e quindi riducono anche la cellulite. Potete assumerle per via orale, applicarli per via topica o per iniezione.

Massaggi

Esistono in commercio dei dispositivi che effettuano massaggi sulle zone del corpo colpite dalla cellulite. Tali macchine sono composte da dei cilindri rotanti che muovono la pelle in modo tale da eliminare la buccia d’arancia. Altri tipi di macchine invece effettuano massaggi aspirando, attirando e comprimendo le aree in cui vi è la cellulite. I massaggi devono essere eseguiti in modo costante in quanto se si smette, la cellulite potrebbe tornare in poco tempo.

Altri rimedi

  • Indumenti a compressione per migliore l’aspetto della cellulite. Tale vestimento ha la funzione di comprimere le arterie e di aumentare il flusso di sangue e linfa per ridurre la buccia d’arancia. Gli indumenti a compressione più utilizzati sono le calze a compressione.
  • Regolare esercizio fisico per mantenere i muscoli tonici e la pelle tesa e liscia.
  • Bere 2 litri d’acqua al giorno per idratare il corpo, migliorare la condizione della pelle ed eliminare così anche la cellulite.
  • Seguire una dieta sana ed equilibrata per ridurre la ritenzione idrica, migliorare l’aspetto della pelle, migliorare la salute, migliorare la circolazione e diminuire la cellulite. I medici consigliamo di mangiare i seguenti alimenti: melograno, mirtilli, finocchi, crescione, papaya, carciofi, cereali integrali, broccoli, semi di lino, cavolo, mele, cumino, alghe marine, limone, aloe vera, carote, zenzero, avocado, lenticchie, noci brasiliane, arance, ananas, aglio, curcuma, cavoletti di Bruxelles, pompelmo, bacche di Acai, bacche di goji, cardi, germogli di soia, avena, kiwi e menta.
  • Impacchi di erbe per “disintossicare” il corpo e per ridurre la buccia d’arancia.