Come dimagrire in menopausa

0
504

La menopausa può provocare diversi cambiamenti fisiologici nell’organismo femminile, causati dal calo degli estrogeni. Questo cambiamento ormonale può provocare diversi sintomi, e tra questi c’è l’aumento del peso. Viene da chiedersi come si può risolvere questo genere di problema.

I cambiamenti ormonali

In menopausa, il metabolismo può cambiare e gli zuccheri e i grassi non riescono ad assere assorbiti e/o smaltiti correttamente. I grassi, in particolare, non vengono distribuiti nella stessa maniera e si accumulano nella zona addominale. Ciò può anche accelerare una riduzione della massa muscolare, che può verificarsi dopo i cinquant’anni, sia nelle donne che negli uomini.

Non di meno, lo squilibrio ormonale provoca anche dei problemi all’intestino. Le ghiandole salivari, infatti, non sono efficienti come prima, e ciò può provocare difficoltà a digerire, gonfiori e stitichezza.

Come dimagrire con la dieta e l’esercizio fisico

Non è insolito che molte donne, pur facendo regolarmente ginnastica e una dieta corretta, non riescano a perdere peso, quindi si devono apportare dei cambiamenti.

Si comincia con la dieta: per contrastare i disturbi della menopausa, si consiglia di compensare il calo di estrogeni mangiando cibi che li contengano, come la soia e i legumi. E’ bene consumare anche frutta (soprattutto frutti rossi) e verdura, almeno quattro volte al giorno, e bere acqua in abbondanza.

Per quanto riguarda l’assunzione di proteine, si dovrebbe mangiare del pesce azzurro per tre volte alla settimana, e carni bianche.

Tra gli altri alimenti da assumere, si possono includere: alghe, l’olio di lino, noci, mandorle, semi oleosi, cereali integrali e un quadratino di una tavoletta di cioccolato extrafondente.

E’ importante includere nella propria dieta cibi che contengano sostanze antiossidanti, che si uniscono ai recettori degli estrogeni, aiutando così a prevenire delle malattie, come i tumori, e aiutano ad attenuare alcuni sintomi della menopausa.

Inutile sottolineare l’importanza di ridurre, se non eliminare, i dolci, i grassi e i fritti, e tutti gli altri cibi o bevanda zuccherate che possano provocare un aumento del peso.

E’ importante continuare a fare esercizio fisico, se non aumentarlo. Si dovrebbe seguire una allenamento che preveda di esercitarsi due o tre ore alla settimana, la cui intensità deve essere proporzionata all’attività fisica.

Le attività migliori, sono di sicuro quelle praticate all’aria aperta, come camminare, andare in bicicletta o fare jogging. Oltre a qualche sport, come il nuoto o l’acquagym, si può optare per un’attività come il ballo.

Qualcuno potrebbe anche consigliare degli integratori che bruciano i grassi, ma a questi bisogna sempre abbinare l’attività fisica e la dieta giusta. E’ meglio, comunque, chiedere consiglio al proprio medico.