Come eliminare i pidocchi dai capelli

0
447

I pidocchi sono un problema che affligge per lo più i bambini, e si diffondono da un individuo all’altro. Tuttavia, la loro presenza non indica una qualche malattia o una scarsa igiene. Infatti, sembra che il sebo presente sui capelli unti impedisca a questi parassiti di attaccarsi al cuoio capelluto.

Le cause

I pidocchi sono dei parassiti che succhiano il sangue e depongono le loro uova nel cuoio capelluto, che si schiudono nel giro di una settimana. Di solito si concentrato dietro le orecchie e sulla nuca. Questi parassiti si diffondono da una persona all’altra tramite cappelli, sciarpe, cappotti, lenzuola, etc.

La loro presenza può provocare non solo prurito, ma anche una reazione allergica, causata dalla saliva del pidocchio, che questo rilascia quando succhia il sangue.

I rimedi

Per eliminare questi parassiti, bisogna soprattutto individuare dove sono localizzati, utilizzando un pettine dai denti fitti, e ricorrere a dei prodotti specifichi che si trovano in farmacia, come lozioni, spray, polveri e shampoo.

Se si vuole ricorrere a dei rimedi naturali, si può provare con:

  • l’aceto di mele, che aiutano a distaccare le uova dal cuoio capelluto, lavando la testa con una parte di questo prodotto e una parte d’acqua, e passando sui capelli un pettine specifico, d’acciaio, per eliminare questi parassiti;

  • gli oli essenziali, di anice, di ylang-ylang o di melaleuca, che possono uccidere i pidocchi e diminuire il prurito, mescolandone cinquanta gocce in sessanta millimetri di un olio vegetale, per poi applicare questo composto sui capelli ed avvolgendoli in una cuffia o in un asciugamano per un’ora, per poi lavarli in maniera accurata, eliminando i pidocchi morti;

  • l’olio di neem, di cui bastano poche gocce per allontanare i pidocchi, perché questi non ne sopportano l’odore, e si può applicare anche sui capelli dei bambini, prima di andare a scuola;

  • la maionese, l’olio d’oliva, la vaselina o il burro, che devono essere applicati e lasciati sui capelli per una notte intera, avvolti da una cuffia, in modo da “asfissiare” i parassiti. Si deve ripetere questa operazione per tre giorni consecutivi.

Per gestire questo problema, è necessario pulire accuratamente, con acqua molto calda, indumenti ed altri oggetti che il soggetto affetto da pediculosi ha toccato o indossato.

I pidocchi sono davvero fastidiosi e per eliminarli non bisogna mai abbassare la guardia e, nel caso che un bambino lo abbia preso a scuola, è necessario contattare la struttura e il personale, così che si possa disinfestare l’ambiente.