Come far diventare i capelli lisci

0
611

Abbiamo i capelli tendenti al crespo e per questo, ci sentiamo sempre sciatte e trascurate oppure semplicemente vorremmo sfoggiare in ogni momento, capelli lisci e perfetti, cosa che con il fai-da-te proprio non ci riesce? Una soluzione potrebbe essere quella di ricorrere ogni settimana al parrucchiere di fiducia ma non sempre questo è possibile, soprattutto in tempo di crisi. Come fare, quindi, se spazzola e phon non bastano?

Capelli lisci senza piastra e phon

Dopo lo shampoo, non dimentichiamo di applicare il balsamo che rende i capelli più morbidi e malleabili e una volta alla settimana massaggiamo capelli e cuoio capelluto con una maschera nutritiva. Tamponiamo delicatamente i capelli con un asciugamano per evitare sgocciolamenti vari. La fase di asciugatura sarà sicuramente molto meno piacevole ma come amavano ripeterci le nostre nonne: “se bella vuoi apparire un po’ devi soffrire”.

Dividiamo i capelli in ciocche e cerchiamo di stirarli utilizzando un phon ionizzatore, puntando il getto dall’alto verso il basso; per la spazzola c’è chi la preferisce piatta chi tonda, chi usa prima una e poi l’altra per srotolare le ciocche e tirarle dalla radice alle punte: l’importante è che non sia di ferro, meglio di ceramica. Una spazzola soffiante potrebbe essere una soluzione al problema del crespo. A metà della fase di asciugatura, mettiamo a scaldare la piastra.

Ebbene sì la piastra è uno strumento essenziale per avere capelli lisci come spaghetti ma attente: non accontentiamoci di quella più economica, consideriamola come un investimento per il futuro e non badiamo a spese. Le migliori sono le piastre in ceramica e il top sono le piastre GHD, funzionali e di tendenza. La piastra va passata ciocca per ciocca, dall’alto al basso con movimenti decisi. Con un po’ di pazienza potremo finalmente sfoggiare una chioma degna del lavoro di un hair-stylist!

Capelli lisci con la piastra

Ormai l’abbiamo capito: per l’estate 2009 il trend capelli dice bob, bob e ancora bob! E’ molto carino, sempre a posto e facile da ottenere… per chi ha i capelli a spaghetto! E tutte coloro che non sono così fortunate, ma sempre alle prese con chiome ribelli, onde mosse, riccioli che svolazzano? La soluzione è unica: la piastra.

Ce ne sono ormai di ottime ed economiche, in ceramica, in tormalina, agli ioni, che non rovinano i capelli e consentono risultati eccellenti. Se non sapete quale scegliere, ricordate alcuni must: deve avere un termostato regolabile, larghezza media, e preferite il modello “a pinza” anziché quello “a forbice” che è più soggetto a rompersi.

Come si usa?

Potete anzitutto spruzzare un pochino di lacca per aiutare il lavoro della piastra. Poi partite ad almeno un centimetro di distanza dalla radice, e scorrete verso il basso abbastanza velocemente, per non bruciare i capelli. Il lavoro è forse noioso, ma ricordate di non prendere ciocche troppo grandi o il risultato sarà pessimo. Alla fine, un colpo di phon freddo aiuterà la piega.

Ultimo consiglio. Se anche non volete fare il bob, date comunque una forma alle punte dei capelli. Verso l’esterno o verso l’interno non importa: non c’è niente di più finto e volgare di quelle chiome lisce e piatte con le punte sparate verso il pavimento!