Quali alimenti aiutano a ridurre le smagliature?

0
94

Per eliminare le smagliature, è importante fare esercizio fisico, applicare nelle zone colpite una buona crema (preferibilmente consigliata da un esperto) e seguire una dieta adatta. In questa dieta, è bene inserire dei cibi specifici, come quelli riportati in questa pagina.

Dei buoni alimenti anti smagliature

Tra i cibi (ovviamente biologici) che si possono definire “anti smagliature”, nella propria dieta si possono inserire:

  • le germe di grano, ricche di vitamina E, in grado di rigenerare le cellule della pelle e rendere quest’ultima più tonica;
  • vari tipi di semi, che siano di girasole, lino, chia o sesamo, ricchi anch’essi di vitamina E;
  • cibi integrali, che hanno lo stesso effetto delle germe di grano e dei semi, ma in dosi più contenute;
  • la frutta secca, ricca non solo di vitamina E, ma anche di acidi grassi Omega 3, che non solo favoriscono la rigenerazione del derma e lo nutrono;
  • i fagioli e altri legumi, ricchi di zinco, che aiuta a rendere più forte la pelle;
  • olio di pesce, ricco di vitamina D, che non solo blocca l’atrofia della pelle ma sgonfia anche la pancia;
  • le verdure a foglia verde, ossia spinaci, broccoli, lattuga, etc, che contengono luteina, una sostanza che aiuta a ridurre questi inestetismi;
  • i pomodori, che aiutano la formazione del collagene, grazie al licopene al suo interno;
  • i peperoni, le cui proprietà sono simili a quelle pomodoro;
  • le pesche, ricche di acqua, aiutano a idratare e rendere la cute più elastica;
  • il cocomero, anch’esso formato per lo più da acqua, favorisce la produzione del collagene e rende più elastica la cute;
  • le arance, con un alto contenuto di vitamina C ed altre sostanze antiossidanti, aiuta a combattere gli inestetismi e favoriscono la guarigione, in varie patologie.

A cibi come questi, bisogna abbinare alcuni comportamenti corretti. A cominciare dall’eliminare o comunque ridurre, dalla propria dieta, cibi come fritti, dolci e ricchi di conservanti. L’idratazione è importante, ma bisogna evitare caffè ed alcolici.

Le tisane

Per mantenere una buona idratazione, è importante bere un litro e mezzo di acqua al giorno, ma nella razione dei liquidi da consumare giornalmente si possono includere anche centrifughe, succhi di frutti e, ovviamente, tisane.

Di queste tisane, una delle migliori è sicuramente il tè verde, che ai suoi antiossidanti aiuta a rigenerare la pelle, ed è anche un ottima bevanda anti-age. In un’isola del Giappone, gli abitanti che hanno superato i cento anni, hanno dichiarato di consumarlo quotidianamente da sempre.

Ad aiutare la pelle a rigenerarsi, assumendole sotto forma di tisana, fanno bene anche:

  • la calendula, antinfiammatoria e cicatrizzante, lenisce anche gli arrossamenti, in forma topica;
  • la bardana, depurativa e diuretica, e se applicata anche esternamente, può combattere problemi come l’acne o i brufoli e ridona luminosità alla pelle.

Nel caso che si voglia contrastare le smagliature che compaiano durante la gravidanza, prima di assumere tisane di questo tipo è bene prima consigliarsi con il proprio medico (e lo stesso vale per gli alimenti).