Oleolito di limone: che cos’è, quali sono le sue proprietà e come si usa

0
83

L’oleolito di limone, noto anche come olio di limone, non va confuso con l’olio essenziale, in quanto la sua preparazione e i suoi usi sono diversi. E’, sicuramente, un ottimo toccasana per pelle, unghie e capelli.

Come si ottiene l’oleito di limone

Per ottenere quest’olio, si usano le scorze di limone, rigorosamente biologici e privi di pesticidi. Dopo essere stati essiccate e macerate, bisogna ricoprire le suddette scorze con dell’olio vegetale (alle mandorle, extravergine di oliva, di jojoba, di germe di grano, etc, a seconda dell’uso che se ne vuole fare), facendo in modo che rapporto degli ingredienti sia una parte di scorze e due di olio.

Una volta ottenuto l’olio, si conserva in vasetti di vetro sterilizzati, che si conserveranno in un luogo fresco e buio.

Le sue proprietà

Questo tipo di olio non è molto aggressivo, sulla pelle, ma può comunque irritare la cute, se si è dei soggetti estremamente sensibili. Esso è adatto come:

  • stimolante per il sistema circolatorio, perché incide sulla circolazione linfatica, che lo rende adatto contro inestetismi come la cellulite;
  • astringente, in grado di eliminare inestetismi come brufoli o l’acne;
  • prodotto per eliminare le occhiaie e le borse sotto gli occhi;
  • agire come un cicatrizzante, in quanto favorisce la generazione di nuove cellule e necontrasta i processi dell’invecchiamento;
  • antimacchia, che siano solari o dovute alla vecchiaia;
  • antirughe ed antismagliature;
  • rinforzante delle unghie, se troppo sottili o fragili;
  • ingrediente di maschere per capelli, in quanto rinforza anche questi, soprattutto se sono secchi e fragili.

Come usarlo

Sicuramente, questo olio si può usare per i massaggi, sia dopo un bagno, da applicare sulle gambe o in altre zone da tonificare, oppure durante un massaggio rilassante, vero e prorpio, effettuato da un esperto. Prima di massaggiarlo sulla pelle, tuttavia, si consiglia di diluirlo con un olio di base, come quello alla mandorla, o del gel all’aloe.

Puro, si può applicare sulle unghie, che andranno massaggiate con un batuffolo d’ovatta o un dischetto struccante, sul letto delle unghie, magari se sono fragili o presentano macchie bianche, prima di andara a dormire.

Come altri oli, è possibile inserirlo anche in alcune creme o unguenti, che siano creme fai da te antirughe oppure delle maschere per capelli. Aggiungendone qualche goccia alla crema che si usa, si può ottenere, ad esempio, una crema tonificante e schiarente per pelli miste e grasse. Un semplice tonico, si può ottenere aggiungendone qualche goccia ad un po’ d’acqua.

Ha un ottimo profumo, che rammenta proprio l’agrume, ed è bene, quando si decide di miscelarlo con un altro prodotto, è bene assicurarsi che quest’ultimo non sia anch’esso troppo profumato, per evitare un odore penetrante.

Versandone qualche goccia (sempre abbinato con dell’acqua) in un diffusore di profumi, può avere delle proprietà calmanti sul proprio sistema nervoso.