Camomilla: benefici, effetti collaterali e dosaggio

0
109

La camomilla è una pianta perenne a crescita lenta. I suoi fiori vengono raccolti ed essiccati per essere utilizzati sotto forma di tè ed infuso. Esistono due tipi di camomilla: la matricaria recutita che è la camomilla tedesca, ungherese e selvatica e la chamaemelum nobile che è quella che conosciamo tutti. La camomilla è stata usata per molto tempo nella medicina tradizionale per calmare l’ansia ed il mal di stomaco.

Benefici

La camomilla è considerata una pianta sicura e viene utilizzata in molte culture come sedativo e per trattare il mal di stomaco. Alcuni studi hanno dimostrato che la camomilla combinata con altre piante ha degli incredibili benefici per la salute. Ecco quali sono:

  • Allevia il bruciore ed il mal di stomaco
  • Elimina la flatulenza, il senso di nausea ed il vomito
  • E’ utile nel trattamento della cistite e della febbre
  • Tratta il mal di gola
  • Allevia le emorroidi
  • Aiuta i bambini che soffrono di coliche
  • I risciacqui orali con la camomilla alleviano le ulcere nella bocca causate dai trattamenti per combattere il cancro
  • Allevia l’ansia e l’insonnia
  • Usata sulla pelle ne elimina l’irritazione
  • Favorisce la guarigione delle ferite, delle ulcere e delle malattie della pelle
  • E’ efficace quanto la crema di idrocortisone per trattare l’eczema
  • Lenisce l’infiammazione genitale o anale
  • Tratta le infezioni da vermi parassiti
  • Ha proprietà antinfiammatorie, antibatteriche, astringenti e deodoranti

Effetti collaterali

La maggior parte degli esperti afferma che la camomilla è sicura. Tuttavia, se viene assunta in grandi dosi può causare nausea, sonnolenza e vomito. Devi evitare di assumere la camomilla se:

  • Sei allergico/a alle piante che appartengono alla famiglia delle margherite: camomilla, ambrosia, margherite, calendule o crisantemi. Potresti infatti andare incontro a reazioni allergiche come eczema allergico, dermatite da contatto ed irritazione agli occhi.
  • Assumi determinati farmaci, in quanto la camomilla potrebbe interagire con sedativi, anticoagulanti, antiaggreganti, aspirina ed antidolorifici come l’ibuprofene ed il naprossene.
  • Assumi integratori di ginkgo biloba, aglio, valeriana ed erba di San Giovanni.
  • Sei incinta o stai allattando al seno.

Dosaggio

Non esiste una dose standard di camomilla, in quanto la sua forma più comune è il tè. Le persone bevono da una fino a quattro tazze di camomilla al giorno. Per preparare un camomilla, devi mettere una bustina di camomilla o di fiori di camomilla in una tazza d’acqua calda per circa 5-10 minuti. Se devi fare i gargarismi, ti consiglio di utilizzare 8 grammi di fiori di camomilla in 1.000 millilitri d’acqua. Per quanto riguarda la camomilla sotto forma di integratore, puoi assumerne dai 9 ai 15 grammi al giorno.