Come avere una pelle perfetta con rimedi naturali

0
191

La cura della pelle richiede moltissime attenzioni, che vanno dalla scelta dei cosmetici alla definizione della beauty routine quotidiana più adatta. Ogni tipo di pelle, che sia grassa, mista o secca, va trattata in modo specifico con creme idratanti e detergenti che riescano a mantenerla sana. In commercio esistono talmente tante opzioni che è facile perdersi, ma non bisogna mai dimenticare che i cosmetici naturali sono più delicati e sfruttano i princìpi attivi offerti dalla natura per donare una cute compatta e curata.

Ma come si fa ad avere una pelle perfetta con i rimedi naturali?

Per individuare i trattamenti giusti bisogna osservare con attenzione la propria cute e capire a quale tipologia appartenga. Successivamente è possibile orientarsi su linee con ingredienti di origine naturale, possibilmente biologici, che non aggrediscano la pelle ma ne rispettino la fisiologia, come ad esempio i cosmetici naturali PlantaDea, prodotti proprio dal brand PlantaDea.

Oltre alla cosmesi tradizionale, esistono altri sistemi che possono aiutare a favorire il benessere dell’epidermide e ad avere un viso sano, compatto e ben idratato. Alcuni suggerimenti, come l’applicazione della crema solare o la detersione quotidiana, valgono per tutti i tipi di pelle. Poi ci sono soluzioni specifiche per la pelle grassa, mista e secca che comprendono i rimedi utilizzati dalle nostre nonne e suggerimenti più moderni e di valore.

Rimedi naturali per avere una pelle perfetta

Ogni tipo di pelle necessita di trattamenti specifici per rimanere soffice e luminosa. Tuttavia, ci sono suggerimenti generali che andrebbero seguiti comunque, a prescindere dalle caratteristiche dell’epidermide. La corretta idratazione è uno step fondamentale che, insieme ad una dieta sana ed equilibrata, può rendere la pelle più nutrita e morbida. La crema solare protegge dall’azione dei raggi solari UVA e UVB e può aiutare a contrastare la comparsa delle macchie del volto e delle mani.

La pulizia del viso quotidiana può aiutare a contrastare la comparsa di punti neri, comedoni e brufoli, mentre i prodotti delicati e i cosmetici naturali rispettano la pelle e possono aiutare a combattere le infiammazioni, in modo naturale.

Insomma, ci sono alcuni gesti che dovrebbero entrare a far parte della beauty routine quotidiana e che non dovrebbero mai essere trascurati. Scopriamoli insieme nello specifico.

Evitare di toccare il viso continuamente

Molte persone hanno l’abitudine di toccarsi il viso e i capelli durante la giornata, senza pensare che potrebbero avere le mani sporche o unte. Le mani sono una delle parti del corpo più esposte ai batteri e alla sporcizia, e queste sostanze finiscono sulla cute ogni volta che si sfrega il viso.

Prendersi cura dell’idratazione della pelle

Mantenere la pelle idratata è fondamentale per aiutare a contrastare l’invecchiamento cutaneo ed evitare un’eccessiva produzione di sebo. La crema idratante, inoltre, può aiutare a proteggere il viso dagli agenti esterni e a ristabilire il suo livello di acqua dopo la detersione.

La scelta dei cosmetici va fatta in base al tipo di pelle, poiché ogni cute richiede trattamenti mirati.

Non strizzare brufoli e punti neri

Sebbene siano così “attraenti”, i brufoli e punti neri non andrebbero mai stuzzicati, se non da mani esperte. Trattata in modo errato, infatti, questa tipologia di imperfezioni cutanee può dar vita a cicatrici difficili da mandare via.

Inoltre, senza le corrette norme igieniche, c’è il rischio di infettare anche l’area circostante, innescando un meccanismo dannoso per la cute.

Molte persone non sanno che la comparsa dei brufoli avviene quando il corpo espelle il grasso, gli oli e i batteri accumulati e dovrebbe seguire il suo percorso di guarigione. Quest’ultimo, invece, viene inibito nel momento stesso in cui si va a toccare la formazione.

Pulizia del viso

Per evitare che sulla pelle si accumulino smog, polvere e batteri, è molto importante prendersi cura dell’igiene quotidiana del viso. Secondo i dermatologi, bisognerebbe lavare il viso la mattina per eliminare il grasso che si forma durante le ore di sonno, e la sera per pulirlo dal make-up e dalla sporco che si accumula durante la giornata.

Inoltre, il viso va sciacquato dopo lo sport e dopo i bagni in mare o in piscina. Il tutto senza esagerare, perché un numero eccessivo di lavaggi disidrata la cute e impoverisce il film cutaneo.

Mai dimenticare la protezione solare

Sebbene il sole faccia benissimo all’organismo, un’eccessiva esposizione ai raggi solari può danneggiare la cute e favorire la comparsa di aree iper-pigmentate.

Applicare la protezione solare è un’abitudine da non trascurare, che va mantenuta anche durante l’inverno. Le pelli grasse hanno un maggiore necessità della crema solare perché la presenza del grasso cutaneo può favorire la comparsa di macchie.

Testare la sensibilità della cute

Alcuni prodotti cosmetici, creme con profumazioni alcoliche, toner, scrub, prodotti esfolianti risultano essere particolarmente aggressivi per la cute, per cui va sempre testata la loro tollerabilità su piccole aree. In genere, quando si ha una pelle sensibile è sempre meglio optare per cosmetici naturali e ipoallergenici che possono aiutare a ridurre il rischio di irritazioni.

Prediligere i trattamenti topici per le pelli impure o acneiche

Le pelli impure o affette da acne hanno bisogno di rimedi mirati che possano aiutare a controllare la produzione di sebo e a ridurre l’infiammazione della cute.

Chi presenta questa problematica dovrebbe pulire il viso regolarmente con un gel detergente bio per pelle acneica e applicare sempre una crema viso dalle possibili proprietà lenitive e sfiammanti.

In ogni caso, è sempre consigliabile dedicare qualche minuto a settimana alla maschera viso per pelle acneica, che può aiutare a ridurre l’infiammazione, eliminare batteri e impurità, e rigenerare la cute.

Curare l’alimentazione

La pelle è lo specchio dello stato del nostro organismo, che dovremmo curare in ogni aspetto. Avere un’alimentazione ricca di fibre, minerali e proteine prive di grassi può aiutare a migliorare l’aspetto della cute, evidenti anche all’esterno.

Sarebbe bene valutare se esistano alimenti che possano peggiorare la condizione della pelle, provocando irritazioni o allergie, ed eventualmente eliminarli parlandone con il proprio medico.

Per chi soffre di patologie cutanee particolari, come l’acne, la psoriasi o la dermatite seborroica il consiglio è di rivolgersi sempre a un dermatologo. In genere, infatti, il consulto con lo specialista aiuta a trovare soluzioni più indicate.

Scegliere cosmetici naturali per il make up

Sebbene possa aiutare ad avere un aspetto curato, il make-up può ostruire i pori e non permettere la normale traspirazione della cute. Per ridurre l’impatto del trucco bisogna scegliere per la detersione i migliori cosmetici naturali, e va rimosso comunque ogni sera prima di andare a dormire.

Un trucco che può aiutare a scongiurare il rischio di possibili irritazioni e l’accumulo di batteri è quello di lavare spesso pennelli e spugnette.

Bere in abbondanza

L’idratazione della pelle non è collegata solo all’uso di cosmetici adatti ma passa anche attraverso la corretta idratazione dell’organismo.

Sia in estate che in inverno, è necessario bere molto per evitare che la pelle si secchi. Questo non vuol dire che si debbano consumare solo i classici due litri d’acqua, ma è possibile integrare anche delle bevande alternative prive di zuccheri, come i centrifugati di frutta e verdura, le spremute, i tè e le tisane.

Attenzione alla temperatura dell’acqua

È vero che l’acqua calda rilassa e rigenera dopo una giornata intensa, soprattutto nei periodi freddi, ma il caldo eccessivo non fa assolutamente bene alla nostra pelle. L’acqua bollente della doccia o del bagno è uno dei principali responsabili della secchezza cutanea, per cui sarebbe meglio ridurre la temperatura.

Non utilizzare esfolianti aggressivi

Sulla nostra pelle tendono ad accumularsi impurità, oli e cellule morte che andrebbero rimosse periodicamente attraverso l’esfoliazione. Salviette o spugne ruvide, però, andrebbero evitate, perché la loro azione meccanica tende a irritare la cute e a creare microlesioni.

Avere uno stile di vita sano

Lo stile di vita incide profondamente sull’aspetto della cute, e i ritmi frenetici, la stanchezza, lo stress e gli eccessi non fanno che risultare immediatamente evidenti. Le borse e le occhiaie, la pelle grigia e opaca sono segnali che l’organismo ha bisogno di cambiare ritmi.

Quindi, per un aspetto più sano è fondamentale avere abitudini salutari: evitare l’alcool e il fumo, dormire regolarmente, non eccedere con il consumo di grassi.

Evitare rabbia e stress

Lo stress è uno dei fattori scatenanti per moltissime patologie cutanee, come la psoriasi, l’acne o la dermatite. Per evitare l’improvvisa comparsa di brufoli, bollicine cutanee o delle placche psoriasiche, è essenziale ridurre le fonti di stress.

Anche nelle persone che presentano già problematiche dermatologiche, lo stress può peggiorare l’infiammazione.

Per rimediare alla tensione ci si può aiutare con delle passeggiate nella natura o con attività rilassanti, come lo yoga, il tai chi o la lettura.

Come prendersi cura della pelle grassa

La pelle grassa si presenta lucida, porosa e può essere soggetta alla comparsa di brufoli, pori dilatati e acne. Il problema, nello specifico, è dovuto ad un’eccessiva produzione di grasso da parte delle ghiandole sebacee. Ecco qualche valido suggerimento per trattare la pelle grassa in modo naturale.

Scegliere cosmetici privi di olio

Per prendersi cura correttamente la pelle grassa bisogna evitare i cosmetici oleosi che non farebbero altro che peggiorare l’untuosità della cute.

I detergenti migliori per le pelli grasse sono quelli a base di principi attivi naturali, che sfruttano le possibili proprietà benefiche delle piante e dei minerali che possono aiutare a riequilibrare l’attività delle ghiandole sebacee. Tra i principi attivi che sembrano essere più efficaci ci sono quelli contenuti nell’ortica, nell’aloe e nella bardana.

Applicare maschere naturali

In natura sono disponibili moltissime sostanze con possibile azione benefica per la pelle che possono essere utilizzate per la preparazione casalinga di maschere per il viso.

Un esempio ottimo che sembra essere davvero efficace è la maschera per pelli grasse alla banana, che non richiede un impegno particolare né una gran quantità di ingredienti. Per prepararla basta frullare la banana con un po’ di limone e miele. La pasta ottenuta va poi applicata su tutto il viso ad eccezione del contorno occhi, e lasciata agire per almeno una ventina di minuti prima di procedere al risciacquo.

Cura l’igiene della cute

Solitamente la pelle grassa interessa anche la testa e, di conseguenza, i capelli possono risultare grassi e oleosi. Per evitare la comparsa dell’effetto lucido, è sempre bene lavare i capelli frequentemente, dedicando tempo al massaggio del cuoio capelluto con prodotti destinati alle pelli grasse.

Non trascurare l’uso del tonico

Il tonico è un prodotto che può essere benefico per la pelle grassa, perché può aiutare a favorire la pulizia profonda dei pori. Serve per completare l’azione del latte detergente e la sua azione mira a riequilibrare il pH fisiologico della pelle del viso.

Come prendersi cura la pelle secca

La cute secca risulta meno idratata e nutrita, poiché risente della mancanza di acqua e lipidi. Ciò accade perché non riesce a trattenere queste sostanze nella cute, che tende ad indebolirsi e lesionarsi facilmente.

Per preservare la bellezza del volto, la pelle secca va trattata con cosmetici naturali delicati che possano aiutare a idratarla e nutrirla nello stesso tempo. Inoltre, è necessario prestare molta attenzione alla detersione.

Scegliere una crema idratante naturale per la pelle secca

La pelle secca ha bisogno di essere trattata con estrema delicatezza per non intaccare la naturale barriera della cute e mantenere la sua elasticità. I prodotti migliori per le pelli secche e disidratate possono contenere diversi tipi di olii o burro, come l’olio di Argan, l’olio di mandorle dolci, l’olio di cocco o il burro di karité. L’importante è che non siano comedogene e che permettano la traspirazione dell’epidermide.

Scegliere un latte detergente delicato

La pelle secca deve essere pulita con un detergente molto delicato che non vada a danneggiare il film idrolipidico dell’epidermide. In genere, è bene optare per un detergente a base di sostanze lenitive, come la calendula, l’achillea o l’olio di semi di lino.

Utilizzare maschere naturali per pelli secche

Le nostre nonne erano solite utilizzare il tuorlo d’uovo montato per nutrire le pelli secche e delicate. Questo ingrediente può essere un’ottima base per la preparazione di maschere con possibile azione nutriente per le pelli secche, insieme all’olio d’oliva e al miele d’acacia. Al composto va unito anche l’albume montato a neve. Il tutto va steso sul viso, lasciandolo in posa per circa mezz’ora, prima di essere rimosso con acqua o con un panno morbido.

Come prendersi cura della pelle mista

La pelle mista è particolarmente impegnativa perché presenta zone in cui la cute può essere più grassa, come il naso, il mento e la fronte, e zone con la cute secca o delicata, come gli zigomi e il contorno occhi.

Scegliere cosmetici adatti sia alla pelle grassa che alla pelle secca o normale

Mentre la zona T può risultare piuttosto lucida e untuosa, il resto del viso può apparire più asciutto e secco. Questo vuol dire che si dovrebbero dedicare attenzioni differenti alle varie zone, scegliendo cosmetici diversi.

La zona T va detersa con un detergente viso per pelli grasse a cui dovrebbe seguire una crema ad hoc. Al contrario, per il resto della cute si possono utilizzare cosmetici adatti alle pelli normali o secche, in modo che mantenga la sua struttura.

Utilizzare maschere naturali per le pelli miste

Tra i rimedi della nonna per una pelle perfetta c’è la maschera per pelli miste alla zucca. In questo caso, gli ingredienti da mescolare sono la zucca tritata, il miele e lo yogurt. Una volta pronto, è necessario stendere il composto sulla pelle e lasciare che faccia effetto per un quarto d’ora. Trascorso questo tempo, è sufficiente lavare bene il viso e applicare la crema idratante.

Tamponare le zone grasse con una carta assorbente

Quando la zona T risulta particolarmente unta, si può assorbire il sebo in eccesso con un foglio di carta assorbente. In questo modo si argina il problema momentaneamente e si può contrastare la formazione di brufoli e punti neri.