Acido folico: cos’è, quando serve integrarlo e a cosa fa bene

0
42

L’acido folico, ovvero la vitamina B9 è un elemento molto importante per il nostro organismo le cui proprietà sono note soprattutto per la salute dei capelli e per le donne in gravidanza. Ecco perché ti spiegheremo di cosa si tratta, come si assume e quali sono tutti i benefici dell’acido folico per i capelli, per la pelle e per l’organismo in generale.

La vitamina idrosolubile da assumere tramite l’alimentazione

Come anticipato poc’anzi l’acido folico è una vitamina idrosolubile che, in quanto tale, non può essere accumulata e sintetizzata dall’organismo ma assunta tramite l’alimentazione. Stiamo parlando della popolarissima vitamina B9, nota per distruggersi con il calore e capace di disperdersi al contatto con l’acqua.

La sua utilità è importante per le donne in dolce attesa perché è risaputo che sia utile a proteggere e favorire il sano sviluppo dell’embrione. Inoltre è utile nel favorire la sintesi delle proteine e del DNA oltre a stimolare la formazione di emoglobina.

In definitiva assumere quantitativi ottimali di vitamina B9, ovvero di acido folico, aiuta l’intero organismo a stare meglio e a proteggersi da una serie di rischi per la salute tra cui quelli legati alle malattie cardiovascolari.

Dove trovi l’acido folico?

Puoi fare ottime scorte di acido folico nutrendoti di verdure a foglia verde come lattuga, spinaci, broccoli e asparagi, che sono benefiche per l’organismo perché contengono fibre e antiossidanti. Inoltre trovi l’acido folico nella carne di fegato, nel latte, in alcuni cereali e nella frutta come limoni, arance e kiwi.

In generale la corretta assunzione di vitamina B, acido folico, è pari a circa due milligrammi al giorno. Queste quantità variano in base all’età e alle esigenze del soggetto per cui, per esempio, una donna in gravidanza può assumerne il doppio.

Questo accade perché il feto utilizza le riserve di acido folico della madre e, quindi, questa dovrà assumerne di più, anche sotto forma di integratore mirato.

Carenze ed eccessi di acido folico

L’acido folico è molto importante per la nostra salute e una eventuale carenza può avere effetti negativi sul sangue, sulla pelle, sui capelli e sul feto in grembo alle donne in dolce attesa.

Di solito le carenze di acido folico derivano dall’abuso di alcol e da patologie che causano la riduzione dei globuli rossi nel sangue. Per esempio diabete mellito insulino-dipendente e celiachia, difatti, possono sfociare molto di frequente in anemia.

Per le donne in gravidanza, invece, le carenze di acido folico possono causare danni al sistema nervoso del feto e causare la nascita di bambini prematuri o di neonati a spina bifida.

Per contro un eccesso di vitamina B9, pur che raro, può causare reazioni allergiche, accelerazione del battito cardiaco, tremore e nervosismo. Il sovradosaggio di acido folico può causare problemi ai reni ma solamente in quelle situazioni estreme di assunzione incontrollata.

Per esempio è noto che l’acido folico sia in grado di favorire la costruzione del DNA del feto inviando le informazioni genetiche sul colore degli occhi, sui tratti somatici e sulla struttura fisica del nascituro.